Preloader images
Preloader icon

Estratto vs Isolato

ANTECEDENTI:

Il processo per ottenere il Cannabidiolo della migliore qualità (CBD) inizia con la selezione di una certa varietà della pianta di canapa o "Cannabis Sativa".

Una volta selezionata la materia prima, la resina viene estratta da essa per ottenere il CBD sotto forma di pasta liquida.

Il lessico utilizzato può facilmente portare a confusione.

In questo articolo spiegheremo brevemente i metodi di estrazione e di isolamento della CBD.

SVILUPPO:

Scopriamo, per cominciare, l'aspetto del CBD come semilavorato.

Estrazione di CBD

A seconda del processo di estrazione utilizzato, possiamo ottenere diversi estratti o spettri di CBD:

1- Estratto "Spettro completo" (Full Spectrum) : è un estratto che contiene tutti o quasi tutti i composti che sono presenti naturalmente nella pianta (CBD, CBC, THC, CBDV, CBDA, terpeni, aminoacidi, lipidi e fitoproteine tra gli altri).

Ognuna di queste molecole crea sinergie con il resto creando il famoso "effetto entourage" e ottenendo un effetto più potente.

Per essere commercialmente legale nella maggior parte dei paesi la quantità di THC deve essere pari o inferiore allo 0,2%.

2- Estratto concentrato o Isolato (Isolate) : contiene solo CBD puro.

Si tratta di un prodotto raffinato che contiene una concentrazione del 99% della molecola di CBD in forma concentrata di cristalli o polvere bianca, senza sapore o odore e con livelli minimi di terpeni e può essere sciolto in qualsiasi modo il produttore desideri realizzare i suoi prodotti.

Il processo di cristallizzazione rimuove tutti gli altri elementi fitochimici, purificando ulteriormente il concentrato, poiché vengono rimosse anche tutte le tracce di THC.

3- Estratto ad "Ampio spettro" (Broad Spectrum) : Prendendo come base l'estratto a spettro completo, ogni traccia di THC che può contenere viene estratta per cromatografia, mantenendo i rimanenti cannabinoidi di origine.

Con l’analisi dei 14 Cannabinoidi che effettuiamo nel Laboratorio di Cristallo Svizzero rileviamo la % di presenza di ciascuno di essi.

Esistono diverse tecniche per isolare la molecola del CBD in modo pulito e il più puro possibile: CO2, solventi naturali, alcool, pressione a freddo, idrocarburi puri o distillazione a vapore.

Naturalmente ognuna di queste tecniche ha i suoi vantaggi e svantaggi.

Ogni tipo di queste estrazioni e le modifiche applicate nel processo influenzeranno il risultato finale del prodotto nel gusto, nell'odore e nella presentazione di una diversa consistenza.

Le estrazioni di CBD più comunemente usate sono:

1) Estrazione di CO2, chiamata anche Olio di CO2

L'anidride carbonica allo stato liquido ad alta pressione (nota come Co2 supercritica) è usata per estrarre i componenti specifici della canapa o della cannabis. La CO2 oscilla allo stato liquido-gassoso ed è il vapore prodotto che fa sì che il CBD si separi dall'impianto per poi essere filtrato a freddo.

È la tecnica di estrazione più utilizzata dai laboratori professionali per ottenere un estratto completo dalla pianta, poiché si ottiene un prodotto di alta qualità e purezza, privo di qualsiasi sostanza chimica e con una minima perdita di cannabinoidi nel processo.

Il materiale finale conserva le sostanze fitochimiche naturali della pianta.

La concentrazione desiderata di CBD può essere ottenuta semplicemente regolando la pressione e la CO2, il che lo rende il metodo ideale per soddisfare le diverse esigenze dei produttori di prodotti CBD.

2) Con solvente naturale

Estrazione di CBD con solventi naturali

L'estrazione del CBD con etanolo è una delle procedure più sicure ed efficaci perché non comporta il rischio di lasciare residui tossici come gli idrocarburi.

Come suggerisce il nome, il metodo dell'etanolo introduce la canapa nella soluzione di alcol etilico, lasciandola riposare per circa un'ora. In seguito, la soluzione evapora a bassi livelli di ebollizione, lasciandovi così una partita pura di cannabis o di estrazione della canapa.

È possibile utilizzare i prodotti raffinati di questo metodo di produzione per l'uso in negozi di alimentari e cannabis topica, in quanto non emetterebbero il gusto o l'odore insolito della canapa.

3) Il metodo BHO

Il BHO, che sta per Butane Honey Oil o Butane Hash Oil, è il nome con cui è conosciuta la tecnica, che utilizza il gas butano come solvente. Si raggiungono concentrazioni molto elevate, superiori all'80% e si ottiene un rendimento superiore al 20%. Tuttavia, questo metodo non è privo di rischi, data la natura stessa del gas butano.

La qualità dei materiali utilizzati per l'estrazione del CBD con BHO è aumentata negli ultimi anni, ottenendo un prodotto finale di alta qualità e purezza e una notevole riduzione dei rifiuti se lo spurgo è stato effettuato nelle migliori condizioni.

A causa dell’alto rischio che comporta il lavoro con questo tipo di solvente in quanto altamente infiammabile, si consiglia di non effettuare questo tipo di estrazione senza adeguate misure di sicurezza e sotto la supervisione di un professionista.

Molti sono i casi di incauti, per non parlare direttamente degli irresponsabili, che saltano alle pagine degli eventi dei media per prendere alla leggera gli standard minimi di sicurezza consigliati.

Il gas butano, essendo più denso dell’aria, si condensa nelle parti inferiori, quindi le estrazioni non devono essere effettuate in cantine o in luoghi chiusi. Naturalmente il materiale di estrazione deve essere tenuto lontano da luci, fonti di calore o apparecchiature elettroniche. È altrettanto importante utilizzare misure di protezione adeguate, come guanti, occhiali di sicurezza e indumenti in fibre naturali.

Infine, consideriamo l'elemento del calore nel processo di estrazione:

La Decarbossilazione (Decarb) è tipicamente il metodo usato per ottenere i principali cannabinoidi dalla canapa a base di calore, permettendo un assorbimento più completo delle molecole dei cannabinoidi nel corpo umano.

In origine (nella materia prima) il CBD si trova come CBDA inattivo (acido carbossilico) ed è grazie alla decarbossilazione che si ottiene la sua conversione in CBD attivo.

Quando la pianta non è sottoposta ad alcun processo di riscaldamento, si ottiene una materia prima in cui le molecole dei cannabinoidi sono ancora presenti nel materiale estratto, mantenendo le loro proprietà e benefici.

CONCLUSIONE :

Isolato è un termine usato per un tipo di estratto di CBD.

L'estratto CBD si ottiene con diverse procedure di estrazione, che per la loro tipologia (uso di calore, solvente o gas) presentano caratteristiche specifiche adatte a determinate applicazioni.

Così, una volta terminato il processo di estrazione, il materiale ottenuto può essere utilizzato in più modi a seconda delle esigenze di ogni linea di produzione: tinture, oli, creme, altri cosmetici, integratori o prodotti alimentari, sia per uso umano che animale.

Tutti i processi di estrazione devono essere accompagnati da misure di controllo della qualità e da analisi che ne confermino l'idoneità e l'assenza di sostanze tossiche .

Avete letto ‘Metodi di estrazione e di isolamento del CBD’. Sentitevi liberi di condividerlo.

Related posts

To top